Storie di americani che sono fuggiti in Urss

20 settembre 1959 ha respinto nove giorni prima dai ranghi del Corpo dei Marines degli vista pro-sovietici e radicali di Lee Harvey Oswald è andato in Unione Sovietica. In URSS, l'americano aveva vissuto un po 'di più, a differenza di molti dei suoi connazionali e scambiato la vita negli Stati Uniti per diventare un cittadino sovietico.

Nero attori, scienziati, spie, ingegneri e ballerini - tutti loro si trovano in Unione Sovietica, ciò che mancava nel loro paese d'origine.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Lee Harvey Oswald

Nell'ottobre del 1959, poco prima del suo ventesimo compleanno, un ex Marine arrivato in Unione Sovietica. L'americano è andato al Regno Unito con il pretesto di studiare in Svizzera, ma lo stesso giorno è andato in aereo a Helsinki, dove ha ricevuto il visto sovietica.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Subito dopo l'arrivo di Oswald ha detto che voleva ottenere la cittadinanza sovietica, ma il 21 ottobre della sua domanda è stata respinta. Poi Oswald direttamente in hotel tagliato le vene del braccio sinistro, dopo di che fu mandato in un ospedale psichiatrico.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Una settimana più tardi, è venuto a l'ambasciata americana a Mosca di rinunciare alla cittadinanza statunitense. A proposito di volo Marine per l'Unione Sovietica, è stato segnalato sulla prima pagina della Associated Press e altre pubblicazioni nel 1959.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Oswald voleva studiare presso l'Università Statale di Mosca, ma è stato mandato a lavorare come tornitore a Minsk Radio impianto prende il nome di Lenin. A Minsk ha ricevuto benefici e arredato monolocale in un prestigioso edificio, allo stesso tempo, è costantemente sotto sorveglianza.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Presto Oswald si annoiava: "Sto iniziando a riconsiderare la sua voglia di rimanere. Lavoro grigio, non c'è posto per spendere soldi, senza discoteche e il bowling, non ci sono luoghi di riposo, tranne che per i balli sindacali. basta "Con me. Ha scritto per l'ambasciata americana a Mosca una richiesta per la restituzione del suo passaporto e l'offerta degli Stati Uniti per tornare negli Stati Uniti.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

In URSS, Oswald conobbe 19 anni, studente di Marina Prusakova, che sposò. la figlia della coppia è nato il giugno e il 24 Maggio 1962 la famiglia ha lasciato l'Unione Sovietica.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

In seguito a casa, Oswald è stato arrestato per l'omicidio di un poliziotto circa 40 minuti dopo il Kennedy è stato girato. Dopo di che è diventato il primo sospettato per l'omicidio di Kennedy.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Si credeva che un uomo 5, 6 secondi ha fatto tre tiri in macchina presidenziale dal sesto piano negozio di libri a Dallas, e poi ucciso la polizia locale. Secondo la Commissione, egli "ha agito da solo e senza consigli o assistenza di nessuno."

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Oswald negato il coinvolgimento in entrambi gli omicidi, e due giorni dopo, durante il trasferimento al carcere della contea, è stato ucciso il proprietario di un night club. Questo omicidio è caduto nel servizio televisivo è stato trasmesso in diretta.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Lloyd Patterson

L'attore prima volta in URSS nel 1932 come membro della troupe afro-americano James Hughes, sognato di creare un teatro in Unione Sovietica.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Presto, Patterson, che conosce l'inglese, invitati a lavorare come una divisione annunciatore trasmissione in America del Nord. Più tardi, insieme alla moglie, l'artista ucraina, ha lavorato presso lo studio cinematografico di Mosca.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Nel mese di ottobre del 1941, Lloyd è stato ferito da esplosione di bombe tedesche, e poi ha lavorato come annunciatore di Komsomolsk-on-Amur, dove un paio di mesi più tardi, durante uno degli spettacoli perso conoscenza. Patterson è morto il 9 marzo 1942. E 'stato 32 anni.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Il figlio Jim due anni ha avuto un ruolo nel film "The Circus", poi ha servito come capitano della sommergibilista, uno scrittore e ha lavorato sul suo padre lasciò la sua patria nel 1994.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Arnold Lockshin

Biologo dagli Stati Uniti con la moglie nel 1986, ha chiesto asilo politico in Unione Sovietica a causa della persecuzione dei servizi segreti delle convinzioni comuniste.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

La coppia ha viaggiato intorno al paese con una conferenza stampa in cui ha denunciato Lokshin agenzie di intelligence degli Stati Uniti. Fino alla fine degli anni 90 del Dottore in Scienze Biologiche lavorato nel laboratorio dell'Istituto di Diagnostica Sperimentale e Tumor Therapy Oncology Scientifico Centro intitolato a NN Blokhin.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

la cittadinanza sovietica Lokshin hanno mai ricevuto, e nel 1992 con decreto del Boris Eltsin, sono stati già concessi la cittadinanza russa. Nel 2001, Arnold Lokshin in pensione, cercando di effettuare pagamenti di pensione e dagli Stati Uniti.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Ora, uno scienziato vive a Mosca, in Novye Cheryomushki, è il tuo blog. Sua moglie, Lauren Lokshin ei loro tre figli vivono anche in Russia, ma separatamente. Secondo Arnold, un rapporto con loro non sostiene, perché "hanno attraversato verso l'altro lato della barricata".

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Edward Lee Howard

Insieme a sua moglie qualche anno a lavorare per la CIA, ma è stato licenziato per uso di droga.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

ufficiali del KGB fuggirono l'ambasciata americana a Roma e durante gli interrogatori hanno fornito informazioni su due agenti dei servizi segreti americani che erano agenti del KGB - Edward Lee Howard e Ronald Pelton.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Howard è volato a Helsinki e fuggì in all'ambasciata sovietica. Fino alla fine della sua vita, ha sostenuto che era innocente e fu vittima di calunnie, che è il motivo per cui dovette fuggire.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Nel 1995 ha pubblicato un libro di memorie di Howard Safe House, in cui ha parlato del fatto che egli era pronto a patteggiamento.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Howard è morto il 12 luglio 2002 presso la sua residenza estiva del russo in circostanze misteriose: è caduto nella sua casa e si è rotto il collo.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Roy Franklin Barton

etnologo ed esploratore della popoli Filippine austronesiani Ifugao americani, ha deciso di emigrare in Unione Sovietica nel 1930, poco dopo l'inizio della Grande Depressione. Scienziato hanno a lungo interessato nel socialismo, ed era fuggito per evitare di pagare il mantenimento dei figli.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

In URSS, avrebbe subito prendere l'antropologia, ma è stato inizialmente costretto a lavorare sei mesi in ospedale Dental Institute di Leningrado.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Nel 1935 ha difeso la sua tesi sulle credenze pagane in Nuova Guinea, ha partecipato alle mostre anti-religiosi, ha sposato una donna sovietica, ma con tutto quello che ha mantenuto la cittadinanza americana.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Dal 1938 al 1940, Barton ha lavorato in India e in Indonesia, il Museo di Antropologia e Etnologia dell'Accademia delle Scienze, ma maggio 1940 è venuto improvvisamente l'ambasciata degli Stati Uniti a Mosca, chiedendo di ripristinare l'effetto del suo passaporto degli Stati Uniti e ha detto di temere da arresto NKVD.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Successivamente è stato rivelato i legami segreti Barton e NKVD, però, non sa che tipo di lavoro che stava facendo e perché temeva l'arresto. Nel 1940, gli fu permesso di recarsi negli Stati Uniti.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Joel Barr

ingegnere Radio insieme al suo amico lavorava per la Western Electric, eseguire ordini militari. Essere in contatto con la spia sovietica Feklisov, passarono all'intelligenza informazioni tecniche sovietiche sui sistemi militari dell'esercito degli Stati Uniti.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Nel 1950, Barr imparato a conoscere il processo di Rosenberg, con il quale conosceva, ed egli fuggì in Cecoslovacchia. Ci ha ricevuto un nuovo nome, Joseph Berg. Nel 1956, Berg con un collega è venuto a l'URSS, che ha svolto un ruolo importante nello sviluppo della microelettronica sovietici.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Sono loro che hanno creato in URSS, la prima UM-uno computer desktop e la sua modifica della UM-1NH, per il quale sono stati assegnati il ​​Premio di Stato. Nel 1962, KB ha visitato lo stesso Krusciov, sul quale ha fatto una grande impressione.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Berg ha continuato a lavorare per la scienza sovietica e morto a Mosca il 1 ° agosto 1998.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Violet Bovt

Nato il 9 maggio di Los Angeles, e nel 1930 il padre-comunista trasferì con la famiglia in URSS.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Poi si è diplomata alla Scuola di Ballo di Mosca al Teatro Bolshoi nel insegnante di classe Mary Kozhukhova, dopo di che è stato ammesso alla compagnia di balletto del Teatro Musicale di Stanislavskij.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

​​Violetta è stata una prima ballerina della compagnia prima dell'inizio degli anni 1980, e ballato a 55 anni.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Di fronte a Violetta l'America ha perso un ballerino eccezionale, che ha unito tecnica del balletto virtuoso con i ruoli di sviluppo psicologico nelle opere. Fino alla sua morte lavorato Violetta insegnante-allenatore del teatro.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Annabel Byukar

Dal 1946, ha ricoperto la carica di cancelliere dell'ambasciata degli Stati Uniti in URSS, che lavora in un ufficio per raccogliere informazioni, tra cui una rivista illustrata in lingua russa "America".

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Due anni più tardi, Annabelle era sposato con la cantante lirica Konstantin Lapscin e desiderava rimanere a vivere in Unione Sovietica. Ha detto: "E 'brava gente ... fanno tutto il possibile per rendere questo mondo un posto migliore in cui vivere."

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Nel 1949, la casa editrice di Mosca "Foglio Letterario" ha pubblicato il suo libro "La verità su diplomazia americana", dove è esposta moralmente degradati lavoratori ambasciata degli Stati Uniti in URSS.

Storie di americani che sono fuggiti in Urss

Byukar rimase con la sua nuova famiglia a Mosca, ha dato alla luce un figlio, ha lavorato come un annunciatore alla radio. "Questa atmosfera di pace, tranquillità e felicità in Unione Sovietica è particolarmente utile in questi giorni in cui la propaganda di guerra e la psicosi di guerra prevale in molti paesi in tutto il mondo, posso facilmente capire come questo effetto tutto negativo sui nervi e la salute della gente comune," - ha detto . Annabelle è morto a Mosca nel 1998.

Kitty Harris

Una ragazza da una giovane età entrò nel Partito Comunista degli Stati Uniti, e nel 1931 l'esploratore sovietico Einhorn è stato coinvolto nel lavoro di intelligence illegale. Il primo appuntamento Kitty ha ricevuto in Germania - a Berlino. Numerose visite a Mosca, dove ha studiato sotto la direzione di William Fisher.

Nel mese di aprile 1936, è stato inviato a Parigi per un operatore radio stazione radio illegale NKVD, e 22 giugno 1941 ha scritto una lettera al capo dell'intelligence estera sovietica, "Per favore mi dia subito un lavoro. Posso andare al fronte come operatore radio, che posso fare vestiti per i soldati, in fondo, con la mia esperienza del lavoro nero, non ho paura di lavoro dietro le linee nemiche. "

Ma lei è stato inviato negli Stati Uniti, e in seguito si trasferisce in Messico. Harris è tornato a Mosca nel luglio 1946. Lei è stato inviato a Riga, dove quattro anni più tardi, è stata arrestata e mandata in trattamento obbligatorio in un carcere ospedale psichiatrico di Gorky. Dopo il suo rilascio, Kitty rimase in Gorky, dove ha vissuto fino alla sua morte nel 1966.

e Morris Leontina Teresa Cohen

La coppia ha lavorato per l'intelligence sovietica per quasi 30 anni, fino a quando non sono stati declassificati nel Regno Unito.

Coen trascorso diversi anni in prigione nel Regno Unito, prima di essere scambiato per una spia britannica. La coppia si stabilì a Mosca, ha ricevuto la cittadinanza sovietica.

Morris Cohen resto della sua vita dedicata alla formazione dei futuri specialisti della comunità di intelligence e l'Unione Sovietica, è morto nel 1995. Sua moglie era morta tre anni prima.