Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

• racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Con qualche difficoltà a tenere il passo con il conduttore, loquace araba nerboruto, ho vagato nel buio coperto vicoli di Marrakesh. Nella penombra, circondato dalla spazzatura e topi che correvano sparsi, affollato eventuali persone sospette, fumato hashish e giocato backgammon. La mia persona è chiaramente causato loro genuino interesse - il gioco interrotto, e ho sentito le decine di paia di occhi mi scansione dalla testa ai piedi. Illuminato lasciato da qualche parte dietro, ed è solo rumore ovattato facendo eco eco antiche volte in pietra di ...

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Da qualche parte là fuori per un paio di giri, ribollente di vita. Friggitrice con cibo vomitato fiamma. Denso fumo profumato che emana da loro, alla deriva in fondo alla strada, perché le lacrime agli occhi e voleva mangiare. Da qualche parte è venuto il lamento. D'altra parte è stato distaccato da tamburi assordanti. commercianti Obsessive ad alta voce gridando gli uni sugli altri, offre un tour rara tutti in fila: bere, mangiare, fumare hashish, andare al bagno turco, giocare a carte per soldi, incontrare, fare sesso, sposarsi, avere un sonno, per strappare i denti, scattare una foto con una scimmia, cavalcare un cammello, fare un tatuaggio all'hennè, organizzare un'escursione nel deserto, per comprare orologi falsi, alcuni mestieri di legno di sandalo, sandali di cuoio, o almeno pantofole e molto altro ancora. Essi sono come avvoltoi, strappato le sue vittime dritto fuori dalla folla, spostandole in loro negozi, a spingere alcune cose in mano, vestite di testa e del collo, alcuni stracci, giurò in amicizia, e qualche volta - in amore, pregavano, minacciato, in generale, facciamo tutto in modo che nessuno li ha lasciati a mani vuote. In mezzo a tutta questa follia tra le braccia di due valigie rimase un po 'interdetto Dimon, che ho prima di dissolversi nel buio di Marrakech, felicemente riferito che, se non torna in un quarto d'ora - lo lasciò andare subito al consolato russo. lad arabo, per il quale mi affrettai attraverso il vicolo buio, era un aiuto - questa è una razza di marocchini che ossessivamente cercando di aiutare, ma più spesso semplicemente finta, poi bruscamente chiedendo baksheesh - i soldi "gratitudine" per i loro servizi. Queste persone spirited possono essere trovati in tutto il Nord Africa - dall'Egitto al Marocco. Per accettare la loro offerta importuno - l'ultima cosa, ma per noi era l'unica possibilità di trovare la prenotazione di più sulla strada per gli hotel di Marrakech: ottenere le coordinate GPS portato da nessuna parte, il telefono è stato in silenzio, e capire se stessi nella complessità di strade locali, dove non ci sono, nessun nome numeri civici, era semplicemente impossibile. Tra l'altro, è stato il secondo aiutante, che si offrì di essere la nostra guida in serata - la prima ci ha portato in qualche attirati suo albergo, e poi un altro ha cominciato a estorcere sfacciatamente un sacco di soldi per i loro servizi. Il caso è andato a combattere, ma combattere non volevo - ho dovuto comprare lui fuori un paio di dozzine di dirham.

Così cominciò nostra immersione nella realtà marocchina ...

Anche io, il viaggiatore esperto, la validità di questa battuta sulla testa come una buona squadra, avvolto in stracci, - con delicatezza, ma assordante. Ho anche smesso di fotografare - solo la sera, quando siamo arrivati ​​al mare, mi hanno lasciato andare, e ho iniziato a fare clic sul mitragliatrice otturatore pohlesche Maxim, beh, mentre eravamo a Marrakech - appena fissavano a bocca aperta sui lati e cercare di capire cosa sta succedendo qui .

Ci siamo rivolti a qualche passaggio molto molto stretto e buio, poi fermati in una porta di legno anonima. Alle sue spalle si trova un mondo diverso - un tranquillo giardino, e di un elegante intaglio di marmo, al centro del quale una piccola fontana gorgogliava rassicurante. Questo cortile così nettamente in contrasto con il mondo, che era dall'altra parte della porta, che io per un attimo senza parole. Così ho imparato che questo riad: in passato i cosiddetti palazzi e le case di marocchini benestanti ora questa parola significa hotel tradizionale marocchina situata in edifici storici. Fuori riad normale sembra più modestamente - una parete nuda e una piccola porta poco appariscente, ma dentro - che nasconde il vero palazzo con fontane, piscine, finiture costosi e accoglienti camere spaziose. Incluso sono tradizionali: una deliziosa prima colazione, veloce wi-fi e una terrazza panoramica. Riad sono molto popolari nelle grandi città - sono il conto va in centinaia, se non migliaia. E ognuno di loro - fidanzato bello. Helper mi ha fatto un paio di euro - una generosa mancia per i miei standard, e umiliante per gli umili, dopo di che un scontenti in pensione. Siamo stati lasciati soli con un proprietario assonnato del riad, che è rotto inglese ci ha detto che de Ricevi le nostre prenotazioni, ma la disponibilità non aveva, il perdono.

Rimasi in silenzio e sono andato nel corso degli eventi delle ultime trenta ore: andata e ritorno da San Pietroburgo a Mosca, poi - a Roma, e infine - a Casablanca; infinitamente lungo ricevendo l'auto in aeroporto; la strada per Marrakech; il mio stupido tentativo di chiamare sulla vettura nella medina - la città vecchia, che è un labirinto casuale di strade strette e tortuose e vicoli; parcheggio e controversie circa il prezzo con il servizio di parcheggio insolenti; cercare la riservata riad primo aiutante, poi - una seconda; e adesso sono qui, e difficilmente mi trattenere per non incorrere in una serie in piedi di fronte a me, un enorme vaso di ceramica, quindi rompete a pezzi riad, bruciare l'inferno fuori di tutto di Marrakech e felice di volare a casa. A quanto pare la mia faccia in quel momento molto chiaramente trasmettere tutta la gamma di emozioni mi ha travolto, in modo da evitare uno scandalo internazionale incombente con elementi di auto-mutilazione, ha offerto subito una soluzione: siamo in grado di rimanere nel riad suo amico. È vero, è necessario camminare per circa un chilometro. Ho contato fino a dieci a me stesso e lasciarlo fuori - tua madre, ma ci conduco già almeno un posto dove si può fare una doccia e mi addormentai! Meno di venti minuti, ci siamo sistemati in un bel riad situato a pochi passi dalla piazza Jemaa El Fna - piazza centrale di Marrakech.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Per la pesante porta di ferro si trovava una strada tranquilla, gli unici abitanti di che era una banda di gatti locali.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

E 'stato già abbastanza tardi, quindi subito dopo l'insediamento, siamo andati a cena al Jamaa el Fna. L'intera area era bollente e ribollente, come se come un enorme calderone infernale.

Ci siamo seduti in una delle tende esterne, dove ho ordinato un piatto tradizionale marocchina - cuscus. Il cibo si è rivelato essere il più raro di spazzatura, e ho giurato a me stesso che nessun pezzo di merda nella mia vita nella sua bocca se stesso non è più essere invocato.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Dopo cena, siamo andati rapidamente indietro al nostro riad. La notte era limpida e calda.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

La mattina mi sono svegliato presto e salì sul tetto per guardare l'alba.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

E 'stato incredibilmente tranquillo. Marrakech dormiva.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Infine, i primi raggi rosa del sole leccato montagna più alta in Marocco - Toubkal. Inizia così un nuovo giorno.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

si è rivelato Marrakech città-lupo mannaro. Di notte, si tuffò in anarchia, qualche orgia succedendo fuori. Al mattino l'intera città è stata trasformata, trasformandosi da un brutto anatroccolo, se non in un bellissimo cigno, almeno in una deliziosa oca.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Il simbolo di Marrakech - Koutoubia, la più grande moschea della città, costruita nel XII secolo. L'altezza del suo minareto - 69 metri di larghezza scala conduce al piano superiore, in modo che il muezzin si arrampicava sul suo cavallo. Koutoubia tradotto come "le librerie moschea". Si ritiene che il nome deriva sia dalla libreria Mechetnaya, oppure da un libro bazaar era in proshlomgde nelle vicinanze.

È interessante notare che l'ingresso di una moschea in Marocco ha consentito solo i musulmani - si trova all'ingresso di protezione speciale, da non perdere gli infedeli.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

In Marocco, v'è il concetto di "città imperiale" - questo termine si riferisce alla città, che in diversi momenti è diventata la capitale del paese. Marrakech - uno di loro. altre tre città imperiali di Fes, Meknes e Rabat.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Il principale rivale di Marrakech nella battaglia per la capitale è sempre stata una funzione di Fez. Più volte nella sua storia, il paese disintegrato in due Stati indipendenti, ognuno con il proprio capitale: Fez e Marrakech, nel nord a sud.

In generale, si presume che la moderna capitale del Marocco - Rabat - niente di più che un compromesso tra queste due città.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Dove ha fatto il nome di "Marrakesh" - non è noto. Berberi credono che sia - deriva dal "Akush Mur" berbera, che si traduce come "Terra di Dio".

Mi chiedo cosa Marrakech ha dato il suo nome in tutto il paese. Più interessante è che la parola "Marocco" deriva dagli errori nella pronuncia spagnola; si presentava agli inizi del XX secolo, fino a quel momento, un altro nome è stato adottato in Europa - "Regno di Marrakech" Tra l'altro, in questo modo è ancora chiamato il paese in alcune lingue dell'Asia centrale.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Ma in arabo il nome del paese suona diverso - al-Maghrib. Se tradotto letteralmente, si ottiene "dove il tramonto" se il significato - "bordo, dove il sole tramonta" la In generale, il termine viene applicato anche a tutti i terreni situati ad ovest dell'Egitto (in contrasto con i paesi situati a est - Al Mashriq, che si traduce come "dove l'alba" o "bordo dove sorge il sole").

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Al centro di ogni città araba nel nord Africa è la medina - la parte vecchia, circondata da un muro della fortezza. Medina di Marrakech è chiamata "città rossa" a causa del colore rossastro di edifici di adobe e fortificazioni.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Il suo cuore - la piazza Jemaa El Fna. Fino al XIX secolo, ci sono state effettuate esecuzioni pubbliche.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Nel nostro tempo, Jamaa el Fna - sito turistico. Notte qui pieno di vita - nel bel mezzo della piazza in un grande mercato di strada con tende, ristoranti. Andare in giro giocolieri, musicisti, cantastorie, guaritori e altri marmaglia, un denaro tirando fuori di turisti creduloni. Tutto si calma solo verso mattina. Durante il giorno la zona relativamente tranquilla e calma, i suoi incantatori di serpenti pasci e clown vasi di occhio vigile di guardare fuori per i turisti.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Vale la pena di pagare loro la minima attenzione, cominciano per estorcere denaro sfacciatamente. E se improvvisamente vede che li state fotografando - essere sicuri: quindi basta lasciare non avrà successo.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

La zona circondata da un enorme labirinto strade, vicoli e deadlock. Si trovano le file interminabili di bancarelle, negozi e botteghe di artigiani marocchini.

Queste aree commerciali sono indicati con la parola araba "cagna", e non ci sono eccezioni in tutte le città del Nord Africa.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

In generale, una grande "cagne" è suddiviso in diversi piccoli, ognuno dei quali si concentra su un singolo settore: c'è - conciatori, qui - klempíři, poi - venditori di spezie, per loro - rivenditori d'oro, e così via.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

commercianti marocchini terribilmente invadente - che mancheranno le mani, mettendo su di voi eventuali sciarpe o gioielli per trasportare nei loro negozi. Fuga dalla loro attenzione quasi impossibile, le loro proposte ritorcersi contro di te dalla mattina presto fino a tarda sera.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

La nostra passeggiata attraverso Marrakech è stato ottenuto un po 'sgualcito. Mi ha colpito fuori del programma ha tradizionalmente visualizzare le attrazioni classiche, che di solito portano tutti i turisti, preferendo il vagare a casaccio intorno alla medina. Abbiamo gironzolato per le strade buie, arrotolato in alcuni vicoli ciechi delle pulci, e ha cercato di discernere la vera vita marocchina.

Racconti marocchini: Sua Maestà, Marrakech

Si è scoperto non molto buona, in modo da trascorrere a Marrakech una buona metà della giornata, mi sono reso conto che non so assolutamente nulla, e qui la necessità di correre, correre senza voltarsi indietro.