Un punto di vista alternativo all'Iran

• Un punto di vista alternativo all'Iran

Fotografo Hossein Fatemi vi mostrerà ciò che è nascosto agli occhi del Grande Fratello, qualunque essa sia che i giovani iraniani dietro le porte chiuse delle loro case e club.

Più di 20 anni di notizie e foto dall'Iran erano abbastanza uniformi: una donna in burqa, esecuzioni pubbliche, la dimostrazione con il rogo di bandiere e di rumori di armi nucleari. Tuttavia, la realtà della vita quotidiana in questo antico paese è molto più complessa e diversificata.

Un punto di vista alternativo all'Iran Un punto di vista alternativo all'Iran

La donna nel corso di una cerimonia di Chehel Manbar, che passa davanti Ashura a Khorramabad. Tradizionalmente, le donne iraniane a piedi nudi, accendendo candele 40 in certi luoghi nel centro della città. La cerimonia ha inizio nelle prime ore del mattino e dura tutto il giorno.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Donna nuda sul letto nella sua casa. Lei è costretta a lavorare come prostituta per sfamare i suoi due figli.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Le donne in un salone di bellezza, dove gli uomini non sono autorizzati a entrare. Per lavorare nel salone per gli uomini, anche, ovviamente, vietato.

Un punto di vista alternativo all'Iran

ragazze ubriache godendo partito. Anche se c'era un parente di uomini e donne è proibito per socializzare e rilassarsi insieme, molti ignorano questa legge nelle loro case.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Il concerto rock al gruppo chiuso.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Le ragazze in palestra, dove addestrato esclusivamente da donne.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Le ragazze che giocano a biliardo nella sala per gli uomini, in cui l'ingresso è rigorosamente vietato ragazze nastrogo.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Le ragazze fumano il narghilè, che è stato vietato nei luoghi pubblici.

Un punto di vista alternativo all'Iran

La musica rock è proibito, in modo che questi ragazzi stanno provando a proprio rischio in un luogo segreto.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Le ragazze fumare sul balcone della casa. A casa, si può indossare T-shirt con l'impunità e non coprire la testa.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Il ragazzo suona la chitarra in Shiraz parco cittadino.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Lo shopper commessa e considerare catalogo di lingerie, mentre un altro cliente provando un reggiseno.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Eylya - artista - bere e fumare in casa.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Due ragazze dopo una festa in casa di un amico.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Parkurschik.

vista

Un punto di vista alternativo all'Iran

Teheran Milad Tower.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Sherwin nella sua stanza con il cane. Secondo la legge islamica, un cane è considerato un animale sporco, in modo che il popolo iraniano non può tenere i cani. La maggior parte canile iraniano mantiene il vostro animale domestico all'interno di quattro mura, perché la polizia ha il diritto di confiscare i cani quando i loro proprietari cammineranno loro.

Un punto di vista alternativo all'Iran

modello Zucchero iraniana in posa per una fotografia.

Un punto di vista alternativo all'Iran

Un paio legge il Corano durante una cerimonia religiosa per commemorare la morte dell'Imam Ali nel cimitero alla periferia di Teheran. fotografo iraniano Hossein Fatemi (, b. 1980) ha iniziato la sua carriera nel 1997. Ha lavorato in Libano, Pakistan, Turchia, Iran, Iraq, Georgia, Russia, India, Somalia, Kenya e in Afghanistan, e il suo lavoro è stato pubblicato in numerose pubblicazioni nazionali ed internazionali, tra cui The Times, Newsweek, Paris Match, The New York Times , The Guardian e The Washington post. Nel corso degli anni, è diventato il Fatemi vincitore di diversi concorsi nazionali ed internazionali: Fotografo iraniana of the Year (2006, 2007, 2009); Ha ricevuto una medaglia d'argento dalla Photographic Society of Delaware (2006); Medaglia d'oro al Concorso Internazionale di Asahi Shimbun (2005 e 2006) ed è diventato vincitore del concorso di fotogiornalismo internazionale della Cina (2007 e 2009).

                ​​