Ho vissuto in un monastero

Non so dove, ma ho avuto il desiderio di vivere la vita selvaggia "monastica". Per vivere nel monastero secondo le regole. Non ho letto sulla vita monastica, non mi guardare qualsiasi video. Non so perché, forse per più estremo?! Forse il "stand" dello sconosciuto non è poi così male, questo è un tipo di emozione.

Ho vissuto in un monastero

Tutto è iniziato con il fatto che ho chiamato il servizio stampa della diocesi di Vladivostok. Ho un conoscente che lavora con pTRA. Non molto tempo fa è stato relatore alla televisione mare, bene, e ora ha colpito nella vita spirituale. Sergey ha telefonato rettore di San Serafino di Sarov monastero, che si trova su circa. Russo. Ho accettato che ho fatto la storia immagine circa il monastero di vita monastica. Resta solo per me personalmente a telefonerò suo padre Clemente (rettore). Immediatamente e suonò. Abbiamo concordato che stavo arrivando. Al lavoro, mi prendo una settimana di riposo per l'occasione.

L'ultimo giorno in tutto il mondo. Le accuse di cose ... Come uno zaino ha deciso di prendere la propria, non hanno usato, Lowepro ProTrekker 600 - la più grande borsa in serie. E Archivi ancora deciso sulla Canon 5D Mark III, Canon 17-40 4L, 15 2.8, 50 2.0 1.2L e 135. Per catturare un'immagine del cielo di personale. Tutti gli stessi, isola russa non è così molto sporco leggero. Un paio di pastiglie, nel caso in cui vi viene chiesto di consegnare il telefono. Ricambio biancheria intima, camicie, camicie, calze, pantaloni di ricambio. Tops devono essere a maniche lunghe. Colori vivaci, le etichette non sono tenuti in grande considerazione. Meglio qualcosa di monotono. In generale, le cose sono complicate, tutti i dispositivi sono alimentati, carica piegato ...

Domani di alzarsi presto sul traghetto ...

Sveglia suonò alle 6.30. Il traghetto parte alle 8-20, ma conoscendo il lavoro Lunedi, conoscendo questi congestione urbana, ha deciso di lasciare presto ... e Dawn trovato non sarebbe poi così male.

Prima di lasciare deciso di lasciare il treppiede a casa, invece prendere il vostro portatile. Egli può ancora tornare utile. In serata, dopo tutti i casi, ho intenzione di scrivere testi più lunghi, e il telefono non è molto conveniente.

Ho vissuto in un monastero

Tutto è il momento di mettere le scarpe ... Quando, improvvisamente saltato su di me un certo senso di paura dell'ignoto. Eppure, non è cibo campo estivo. 5 giorni di incertezza. 5 giorni sacramento. 5 giorni sa cosa ... ma credo che tutto andrà bene.

Contro le loro regole hanno preso il giocatore. Ancora, per arrivare al cancello del monastero, hanno bisogno di musica. Fino a Venerdì di sedersi senza la sua solita musica ... Sarà difficile. Ma penso che la maniglia.

Di solito, quando raccolgo big bags, io uso la regola - il 50% delle cose lasciate. Questa volta ha deciso di non farlo. Non so perché ... ma lo zaino era semplicemente insopportabile ...

Ho vissuto in un monastero

7: 48 ... Eliminata nei messaggi marini delle stazioni costiere. La strada è molto bel tempo soleggiato. Non c'è vento. Il cielo è senza nubi.

Ho vissuto in un monastero

Il mare è calmo, il sole dà un colore dorato magico. Il lettore riproduce musica rilassante, però, che mi fa diventa molto calma. Tutti gli stessi, v'è una certa ansia. Molti pensieri filatura nella mia testa, nessuno non può prendere e mettere in ordine, vinaigrette di qualche tipo.

Ho vissuto in un monastero

ha deciso nella macchina di acquistare due lattine di Pepsi. Ho bevuto uno, due nascosto in uno zaino. Bevo il Venerdì, quando mi siederò sul traghetto. Amo soda, in modo che il pancake ...

Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero

8: 10 ... Sono sul traghetto. Abbigliamento non ha sollevato, c'è ancora un'ultima possibilità di dire a me stesso di non cedere ai suoi sentimenti di paura e basta andare ... andare a casa ... Ma poi rampa e tutti ... "Ponti bruciato" ... Sembra dura, ma quando il traghetto ha cominciato ad allontanarsi lentamente, è diventato un po ' più facile ...

Ho vissuto in un monastero

Il traghetto taglia lentamente attraverso la superficie dell'acqua. Calma. Città si sveglia, recuperando dopo una notte di sonno. Tutti lento e sereno, tranne la bandiera russa, che sta sviluppando selvaggiamente sulla torre campanile.

Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero

Città avanti e avanti ... l'isola è sempre più vicine ... E Vladivostok è coperto da una fitta nebbia, nebbia mattutina. Distinguibili solo le sagome di edifici alti e la torre, tutto il resto mescolati in una massa grigia monotona.

Ho vissuto in un monastero

Tutto questo trambusto urbano, gli ingorghi del traffico della città, le code nei supermercati, autobus sovraffollati, strade congestionate, ristoranti fast-food ... Tutto questo sta dicendo addio a me ... Tutto quello che serve, non sempre, ma le foglie.

Ho vissuto in un monastero

Che cosa è che mi aspetta sull'isola russa, non so. Pesante lavoro quotidiano?! risveglio precoce?! All'inizio di andare a letto?! Mattina, pomeriggio e sera preghiere, io non lo so e non capisco?! territorio Closed?! regole e rigorosi requisiti?! Dove sto andando a dormire?! Da soli o con qualcun altro?! Nessuno dei due è una domanda a cui non posso rispondere, anche se avrei voluto. Ma la risposta, credo, non farmi aspettare. Sarà molto presto ...

Ho vissuto in un monastero

Una volta balenato il pensiero che sarebbe stato necessario lasciare tutta l'elettronica a casa ... telefono cellulare, lettore, attrezzature fotografiche, registratore, computer portatile ... Lascia che da tutto questo per riposare ... Basta rilassarsi dalla civiltà ... Dalle cose che fanno pensare a questo proposito . E senza di loro sarei pensare a queste cose ... E 'meglio per loro, e prendere le immagini di ciò che è necessario, dove è necessario per la registrazione. E, naturalmente, è necessario essere sempre connessi - non si sa mai che cosa?! Ma sarebbe sufficiente un semplice blocco note con una penna e un piccolo piatto di sapone, ma no! La qualità non è il momento ... E non ... La gente non sono la stessa cosa ... Io non ... passiamo il canale. Appena una settimana fa, l'ho portato alla folla armati fino ai denti airsoft ... e ora ...

Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero

Ed eccolo ... isola russa.

Ho vissuto in un monastero

9: 05 ... Aparel affondata lentamente ... sono andata fino in fondo.

Ho vissuto in un monastero

Prima del monastero per camminare per circa 10 minuti, non di più ... Ma per qualche ragione ho speso in questo modo molto più tempo ... E 'stato piacevole, e una tangenziale, anche se era possibile tagliare il ... Sembra che il subconscio gioca con me.

Ho vissuto in un monastero

Qui è già diventato evidente. recinzione verde, si nasconde da occhi indiscreti tutta la vita di questo luogo. Costruzioni, edifici agricoli ...

Ho vissuto in un monastero

Qui si tratta di un recinto ... E qui è la porta, cancello ... stare sotto di essa per circa un minuto, è venuto in. Cancello chiuso ... Tutto ... L'ultimo passo è fatto. Via del ritorno non di più.

Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero

Io sono nel monastero. Al cancello ho incontrato un vecchio barbuto, vestito con una tunica nera. Gli ho chiesto circa il luogo del. Clemente. Ha detto che ora c'è un servizio di mattina, è necessario attendere. Si sedette sulla panca bianco sotto qualche albero. Calore, verde, buona. A piccoli piedi bagnato dalla rugiada del mattino, ma niente ... Dietro di me è costruito qualsiasi edificio. L'intero quartiere sentito martellare e le grida dei lavoratori, che fanno il tetto. Eppure c'era qualcosa di terribile, ancor più corretto dire terrificante: non appena varco la soglia del monastero, in modo immediatamente scomparso 3G sul mio telefono dopo alcuni secondi, il male a forma di lettere E anche scomparso, mi notifica in tal modo l'impossibilità di accesso a Internet. Ma la completa scomparsa della rete a tutti mi scoraggiato ... Come mai?! Ora che è un vero disastro! Ora il telefono è inutile, oh, che potrebbe Rostelecom e mettere una torre russo. Ma ora, con mia grande sorpresa, ci sono stati alcuni antenne. Ho subito scarabocchiato SMSku ... solo è riuscito a inviare come il collegamento è stato perso di nuovo. Strano. Comunicazione e passeggiate ... si legge - scompare. In grado di leggere i messaggi VKontakte, ma la risposta ha ... bukovki E non dà tali privilegi ... ma non 3G aratro.

Ho iniziato a rimpiangere che non la prima colazione. Stomaco richieste di cibo.

Ho vissuto in un monastero

Dal momento del mio soggiorno presso il monastero fatto solo un singolo colpo - una targa con le regole di comportamento durante il suo soggiorno in questo luogo. Senza permesso non verrà rimosso.

Ho vissuto in un monastero

A sinistra del luogo in cui mi siedo - l'apiario. Attualmente impiega due persone in tute bianche. Alla mia sinistra un monaco in un abito talare portare l'acqua in un secchio. Dietro qualcuno che lavora con il martello. Top uccelli cantano, fogliame rumoroso.

Ancora sto aspettando l'abate. il padre di Clemente promesso di chiamarmi non appena la fine del servizio. Mi chiedo ancora come mi chiama, se non ho una connessione cellulare?! Pertanto, per visualizzare la macchina fotografica appesa al collo. Si sedette sulla panca più vicina al tempio, forse a causa di preavviso impara. Alla mia sinistra sulla panchina giaceva un uomo di mezza età, è sbiadito jeans, una relativamente nuove scarpe da corsa e la giacca a strisce blu. Mise una mano sotto la testa, si girò su un fianco e si addormentò ... Improvvisamente, ci fu un pareggio per me. La prima cosa scritta un paio di SMS e ha fatto una breve chiamata. Egli ha segnalato un problema con la rete. E 'diventato un po' più calmo e più piacevole.

i monaci fuori del tempio. Il servizio è finita. L'abate mi ha chiamato per nome, sono andato ... invitato ad andare con loro in biblioteca. Ci ha chiesto un paio di domande circa i miei programmi, preferenze, contra ... indicò un elenco di regole interne di comportamento nel monastero, la routine quotidiana, le regole per il membro del personale - leggi, insegnare, ricorda. Sam si ritirò per alcuni, Vladimir, che mi aveva al mio alloggio per la prossima settimana. Come si è scoperto, ho intenzione di vivere con il resto della cellula-lavoratori in generale. Era un po 'inquietante. queste persone che?! Quello che hanno in mente?! Perché sono in un monastero?! Un sacco di domande ha attraversato la mia mente ... ho dimenticato di dire che durante la mia conversazione con l'abate, ha chiesto circa le mie capacità. Faccio a sapere come gestire le mucche, le api, se sono in grado di cucinare?! Mi vergognavo. Potrei vanto di gnocchi solo cotti e spaghetti istantanei a mangiare ... Qui si tratta - un uomo moderno ... Accidenti.

Ho vissuto in un monastero

Il monastero è vietato l'uso di telefoni cellulari, ho fatto un'eccezione, e sul portatile troppo. Sì, e il telefono è inutile qui, è ancora praticamente alcun riguardo. Quindi userò invece di un notebook. Sono stato anche avvertito di vietare le riprese del personale e anche eseguire scatti il ​​monaco può essere solo sua spontanea volontà. Sostenere e perorare impossibile. E io non ho intenzione di. Credo che almeno qualcuno sarà d'accordo ad una breve sessione fotografica. Ancora non non sarà senza monaci saggio fotografico ...

Ho vissuto in un monastero

Qui mi fu condotto nella cella. Si trova nel sottotetto della chiesa. L'ingresso dal lato posteriore. Dal corridoio v'è una scala molto ripida su, su, cadde in una sorta di sala d'attesa dotata di un lavandino, una lavatrice e un armadio con tuta sportiva. Un'altra scala, ripida, ma piccola, è già presente nella cella molto. L'ingresso è molto piccolo, dobbiamo chinare. Ma non importa.

Ho vissuto in un monastero

Prolez, sembrava. 9 posti letto, ognuno con il suo tavolino, un crocifisso sopra ogni letto e un sacco di icone. Inoltre, una singola lampada appesa sotto le icone. Tra l'altro, di leggere nel monastero può essere solo letteratura spirituale, solo ascoltare musica sacra. Mi hanno dato un posto vicino alla finestra. Mi piaceva. In un angolo. Non mi piace quando qualcuno si trova su entrambi i lati. Cambiato le lenzuola, federe, copripiumino ... Vale a dire, mi sono sistemato. Gli fu dato un asciugamano, anche se ho preso la sua. Vabbè ...

Ho vissuto in un monastero

Il mio letto

Ho vissuto in un monastero

Alle 11:00 ha dato la prima obbedienza (di lavoro). Sono stato portato al tempio. Rilasciata una pala, uno straccio e un mediatore. È necessario pulire il pavimento delle gocce di cera.

Ho vissuto in un monastero

Con questo voglio prozanimalsya intera ora e mezza. E qui per la chiamata il pranzo. Questo è un bene, perché non ho ancora fatto colazione a casa.

Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero

Trapeznaya trova nel tempio per una porta separata. Un tavolo al centro dei tre posti, per vedere, per l'abate ei suoi assistenti o deputati (non so come ingrandire correttamente). E due lunghi tavoli per gli Stati monaci, novizi e personale. Tutto questo forma la solita lettera "P".

Durante tutto severamente pasto. Sedersi al tavolo solo dopo la preghiera. I monaci siedono a parte, membro del personale singolarmente. Sul tavolo ci sono pentole con il primo e secondo. Ognuno mette quello che vuole e come vuole. Tè o composta da scegliere. Pasti nessuno parla. Tutto passa in silenzio, solo in piedi dietro la gente del libro si legge vari scritti. Il pranzo è durato per circa 20 minuti fino all'ultimo non finire, nessuno va e stand. Ecco suona una campana - Il pranzo è finito. Tutto come un aumento squadra dai loro posti e leggere la preghiera comune, dicono, grazie per questo pasto. Dai piatti, bicchieri e l'attributo della finestra erogazione di cibi.

Prima di entrare nel tempio stesso appeso alla parete "sta" con le immagini della ricostruzione del monastero, varie celebrazioni ...

Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero

Subito dopo pranzo mi è stato dato un incarico interessante. Dovrò fare un acquario. Non l'ho mai fatto prima. Effettuare le seguenti operazioni: spegnere tutti gli apparecchi elettrici che forniscono l'alloggio di pesce confortevole, scolare l'acqua, il pesce pescato e trapiantato, lavare il filtro, termometro, sabbia pulita elementi di decoro in forma di castello e piante, ben lavati e il più difficile - per pulire l'acquario dalle alghe unicellulari. Per scaricare l'acqua, mi è stato dato un secchio e un tubo flessibile. Tutto è semplice: un tubo fine di mettere il loro acquario, quindi pompare fuori l'acqua attraverso la bocca e tutto ... il processo è iniziato ... l'acqua è andato, il secchio è pieno. Poi è necessario per unire in un buco che si trova dietro il tempio. Ho fatto circa 7-8 walker.

Ho vissuto in un monastero

La cosa più interessante è stato - è la cattura del pesce con una rete. Sono piccoli e agili, per tutto il tempo che si nasconde dietro l'erba. Mi ci sono voluti 20 minuti.

Ho vissuto in un monastero

Poi ho tirato fuori e lavato l'erba, sabbia ... Resta il più difficile - per cancellare il muro shnyaga acquario verde. Il pennello non pulisce ... poryskat nell'armadio. Ho trovato un po 'di tubo con qualcosa ... Secondo la descrizione - per il metallo di pulizia. Farà. Spalmato un po 'sulla spugna, strofinato ... E questa è la prima buona fortuna - ma cancellato ... E' difficile, ma è meglio di niente. Sulle pareti della pulizia nel mio orecchio un po 'più di un'ora. Rimane un ottimo risciacquo con acqua, bene, fare tutto come prima.

Ho vissuto in un monastero

Mentre si lavora in testa cominciò a girare: "Voglio andare a casa. Voglio che su Internet. "Senza Internet, arriva un senso di lieve panico senza comunicazione. Sto tagliato fuori dal mondo. Improvvisamente, chiamerò per una questione molto importante, e non ci riesco?! E all'improvviso ero sul calo di posta è una lettera molto importante, ma non riesco a leggerlo?! Questo è un vero e proprio atstoy.

Durante la violazione di questo lavoro vagamente sentito parlare del ragazzo con il negozio si stabilirono nella nostra cella, dove il suo letto si leverà in piedi accanto al mio.

Ho fame. Voglio mangiare. Voglio bere.

Fiddle con l'acquario ha iniziato da qualche parte alle 13:40, ora locale è ora 16:20. E. Per fare il bagno in tutta mi c'è voluto un tempo piuttosto lungo. Chi avrà il più difficile e responsabile, riempimento di sabbia, di mettere a loro arredamento discrezione, aggiungere l'acqua e ... E in questa acqua per trapiantare i pesci. Mi è stato detto che se la temperatura dell'acqua è bassa, il pesce può allungare e pinne.

Ho vissuto in un monastero

Sorprendentemente la finestra suonato una campana. Don-don-don ... Questa notifica circa l'inizio della vita. L'orologio 16.30.

Oh gioia !!! Il mio telefono vibrare. Il un tuffo al cuore! Che cosa è?! Lettera? SMSka? ... No ... Solo un avvertimento a qualsiasi gioco che è installato sul mio telefono. Bummer. Essa non ha abbastanza di comunicazione con il mondo esterno.

Mentre stavo scrivendo questo testo, sono stato avvicinato da tre uomini e ha chiesto il motivo per cui nel serbatoio di acqua santa costa due cazzo?! Io non lo so, quindi la risposta è breve: "Con il gas o senza gas" Si guardarono l'un l'altro e di sinistra.

Ho vissuto in un monastero

17:02. Finisco versare l'acqua nell'acquario. Tra l'altro l'acqua nel monastero con il pozzo - pulito. E gettò il pesce. Sembra galleggiare. Domattina per prima cosa controllare il numero sul fondo della vasca e nella parte superiore. Molto preoccupato. Circa quattro ore a sinistra nel mio bagno vasca.

Ho vissuto in un monastero

Ora non ho tempo libero. Quanti non so, ma il lavoro non ha. Penso che passerò sul territorio, per scattare foto. Egli entrò nel tempio, un gazebo con una statua, ha trovato la gabbia con un coniglio. Tranquillamente e con calma. Ancora una volta sono andato nel tempio dei visitatori là. Guadagnando nella bottiglia di acqua santa. Nel refettorio sonagli piatti. Questo suono mi ha soddisfatto moltissimo, t. Per. Sono di nuovo fame. Ho chiamato per la terraferma di nuovo.

Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero Ho vissuto in un monastero

Il tempo passa molto lentamente. In realtà, ho usato per vivere in un modo diverso, in un costante trambusto e dalla frenesia, dalla frenesia, e anche qui comincio a camminare più costantemente. Si ha la sensazione che questo posto è vivere da sola, a parte il tempo presente. Qui, tutto è in movimento lento.

Ho vissuto in un monastero

negozio icona.

Ho vissuto in un monastero

Le regole di comportamento nel tempio.

Ho vissuto in un monastero

A causa delle porte sembrava sempre sorridente monaco Valery. Mi ha invitato all'interno, ha dato un grande quaderno. Ho aperto, c'è un sacco di nomi scritti in 2 colonne su ogni pagina. Ha detto che la lettura. nomi Sami sono scritti in pennarello nero. Ecco una pagina per il riposo, per la salute ... Un sacco di nomi lunghi e in precedenza a me sconosciuti. Ho affrontato abbastanza rapidamente. Valery è andato ad aiutare, la sua lista era molto più lungo. Ogni membro del personale è stato lo stesso notebook con i nomi. Il tempio vola fumo e l'odore di incenso. E 'molto difficile respirare tutto. Si è seduto su uno sgabello alla finestra, l'aria fresca non farmi del male. Monk Valery permesso di fotografarlo durante la lettura di questi nomi.

19:07. Il servizio è finita. Tutti i sistemi vanno per la cena. V'è già una scelta: zuppa di piselli, pasta con qualcosa di riso di spessore con il latte. Ho preso a questo riso gustoso e sano. Cena abbastanza rapidamente. Dopo un po 'di tempo libero. Ed essere sicuri di regola preghiera della sera. 19:57. Si è conclusa con la regola. Anche in questo caso, il tempo libero e riagganciare. Prima di tutto ha funzionato nella cella per ricaricare il vostro iPhone. Basta sistemati un'altra persona. Giovane, korotkostrizheny con i non-fuga sorriso sul suo volto. Oggi ha deciso di chiunque con le loro domande non salire. Non ancora. E 'bene che mi è stato permesso di usare un computer portatile. Io non so come avrebbe reagito al locale ... sedetti su un letto duro, mi piace. Io generalmente piace il letto duro.

Un'altra notizia che mi ha sconvolto - può essere lavato solo il venerdì. Sono scioccato. Ho usato per fare un bagno ogni giorno, bene, al massimo una volta ogni due giorni. Ma per una settimana intera ...

Nella cella mi è stato detto che chi sta andando a vivere nel monastero sono state prese passaporto e telefono cellulare. Un trudnik incognito tagliato il suo laptop in qualche tiratore e ascolta rap. computer portatile sotto il cuscino ... Kindergarten - - monaco Incluso non altrimenti ...

L'atmosfera è molto amichevole.

Dietro la porta, ho sentito i sussurri:

"Che ragazzo sulla n ... ra del genere?"

"Con buchi alle orecchie o che cosa?"

"Beh, sì"

"Ma con Internet qualsiasi"

Nel cortile ventunesimo secolo, e hanno "un po '" Internet. Sì, questo posto, queste persone il tempo risparmiato. Mats, risate, discussione dei Deep Purple e UDO ... End solo una mezz'ora.

Più veloce domani. Venerdì sarebbe più veloce.

Ho deciso di avere un computer portatile e decifrare tutto quello che ho scritto nel telefono. Ha preso l'iPhone in mano ... Mi ha colpito con scosse ... strano ... qualcosa che hanno con l'elettricità non.

22:18. Molti sono addormentato. Qualcuno legge. Qualcuno con le cuffie per ascoltare la musica. Penso che dovrei andare a letto troppo. Non voglio far tremare tutta la cella della tastiera, e alzarsi alle 6 del mattino.